“For the first time, scientists identify a neural population highly selective for music.”

“MIT neuroscientists have identified a neural population in the human auditory cortex that responds selectively to sounds that people typically categorize as music, but not to speech or other environmental sounds.”

Leggi l’articolo

Corteccia uditiva e corteccia motoria, insieme ai sistemi sottocorticali, si attivano sia quando i soggetti rispondono col movimento al ritmo musicale sia quando semplicemente ascoltano la musica.  Gli studi di Zatorre e Chen hanno dimostrato attraverso neuroimmagini come addirittura immaginare la musica attivi le stesse aree di un ascolto effettivo!

L’interazione tra sistema uditivo e motorio sulla base del ritmo musicale si presenta già nei primissimi anni di vita e rappresenta la base dell’apprendimento e dell’apprendimento linguistico in particolare.

Dott.ssa Carmela Stillitano 

“Quando si visita un paziente subito dopo un ictus o una lesione cranica, si vedono solo gli effetti totali dell’insulto: paralisi, afasia o altre disabilità. è difficile distinguere le disabilità causate dal danno anatomico da quelle riconducibili invece all’inibizione del tessuto nervoso circostante. Nella maggior parte dei pazienti, sarà il tempo a mostrare la differenza: l’inibizione tende infatti ad attenuarsi spontaneamente, di solito nell’arco di qualche settimana. In alcuni soggetti ciò non accade. A questo punto è fondamentale iniziare la terapia per promuovere quella che Lurjia chiamava “de-inibizione”.

La logoterapia può portare alla de-inibizione, ma a volte capita che fallisca; in questi casi, si potrebbe erroneamente pensare che l’afasia del paziente sia dovuta a un danno anatomico permanente e quindi irreversibile. In alcuni soggetti, però, la musicoterapia può riuscire laddove la logoterapia convenzionale ha fallito. Forse le aree corticali precedentemente inibite ma non distrutte possono essere de-inibite, lanciate di nuovo in azione risperimentando il linguaggio – seppure un linguaggio del tutto automatico, inglobato nella musica”. (Oliver Sacks)

L’ascolto della musica di Mozart, secondo il protocollo deciso dal Prof. Attanasio e colleghi, ha determinato un miglioramento nella percezione soggettiva dell’acufene.

Leggi l’articolo

Questi risultati fanno ben sperare per il lavoro di ricerca che stiamo portando avanti in collaborazione con il Tinnitus Center di Roma sul metodo Tomatis. Lo scopo della ricerca è individuare, tra le varie possibilità che dà il metodo Tomatis, un protocollo che sia specifico per pazienti con acufeni, sulla base del disturbo uditivo (iperacusia, ipoacusia) e della caratterizzazione dell’acufene.

Dr.ssa Carmela Stillitano

“Un particolare studio dimostra come la musica sia addirittura in grado di aiutare nel trattamento di un disturbo sempre più diffuso, la dislessia. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista “Neuropsychologia”, condotta da ricercatori italiani dell’Istituto di Bioimmagini e Fisiologia molecolare del CNR di Milano, ha dimostrato inoltre che chi è abituato a leggere il pentagramma legge più velocemente anche le parole e durante la lettura mostra un’attivazione cerebrale diversa dai non esperti.”

Leggi l’articolo